Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community

STERHEOTYPES: STudying European Racial Hoaxes and sterEOTYPES

Tipologia
Progetti nazionali
Programma di ricerca
BANDO CSP CHALLENGES for Europe
Budget
€ 100500
Periodo
18/01/2021 - 18/04/2024
Dott. Cristina Bosco

Partecipanti al progetto

Descrizione del progetto

Una delle sfide per l'Europa consiste nel ridurre il razzismo online e l'esclusione sociale che colpisce gli immigrati favorendo la ricerca interdisciplinare rivolta a comprendere i fattori socio-psicologici e promuovendo la consapevolezza civica su come i media e le fake news rinforzano stereotipi e pregiudizi.
I livelli di pregiudizio dei cittadini europei potrebbe infatti anche crescere e rafforzarsi grazie alla cosidette bufale razziali ('racial hoaxes') (Cerase & Santoro, 2018). Con questo termine si indicano atti comunicativi creati allo scopo di diffondere informazioni che colpiscono e attaccano la salute e la sicurezza di qualcuno, singolo o parte di un gruppo individuato a causa di razza, etnicità o religione (Russell, 1998). In relazione alle ‘racial hoaxes’, la letteratura considera le brevi reazioni emotive delle persone come la generazione di stereotipi e credenze devianti (Mackie and Smith, 1998), che possono rafforzare i pregiudizi e gli atteggiamenti contro gli immigrati (D’Errico and Paciello, 2018) in particolar modo considerando il loro impatto su giovani, i cosiddetti nativi digitali. In questo senso il progetto promuoverà come prima cosa la consapevolezza civica dei futuri cittadini dell'Europa contribuendo a sviluppare la loro resilienza sociale alla pervasività della disinformazione in merito al fenomeno dell'immigrazione, favorendo il loro senso di responsabilità digitale tramite un approccio cross-culturale e cross-linguistico. Il contributo della linguistica computazionale dalla Francia, Italia e Spagna consentirà di assumere una prospettiva multilinguistica nella rilevazione dello stereotipo confrontando diversi corpora attraverso vari paesi europei. Inoltre il progetto è in linea con le sfida che l'Europa affronta nel costruire un ponte che consenta di superare il gap tra esperti accademici e istituzioni della società civile come scuole e industrie, in relazione al problema della disinformazione (evidenziato anche nel piano d'azione incluso nelle European Policies for Misinformation), allo scopo di potenziare i possibili destinatari fornendo loro strumenti per migliorare la rilevazione, l'anaisi e l'implementazione di strumenti educativi utili a contrastare gli effetti negativi del pregiudizio razziale. Per raggiungere questi obiettivi, le unità linguistiche si focalizzeranno sugli stereotipi e pregiudizi che emergono dalle bufale razziali per sviluppare modelli computazionali necessari alla rilevazione automatica di stereotipi e pregiudizi che saranno oggetto di disseminazione nelle industrie del settore ICT e tramite le piattaforme online. Inoltre tutti i ricercatori coinvolti contribuiranno allo sviluppo di una applicazione tecnologica ad hoc che verrà utilizzata da gruppi di nativi digitali durante la fase di sperimentazione psicologica per testare le migliori pratiche per lo sviluppo di 'anticorpi' contro il pregiudizio rafforzato dalle fake news. Altre funzioni educative saranno implementate, come quelle relative alla riscrittura di commenti che esprimono pregiudizi (tramite strumenti di allerta civica) e mappe cross-culturali che cosentano ai nativi digitali di meglio comprendere gli effetti delle comunicazioni false e della disinformazione.
In particolare il progetto definirà degli interventi che coinvolgano insegnanti e studenti allo scopo di applicare la comunicazione scientifica alla sollecitazione delle consapevolezza civica.
Queste attività saranno la base delle misure di comunicazione scientifica rivolte a futuri insegnanti in applicazione delle linee guida psicologiche e si avvaleranno prevalentemente degli strumenti di e-learning messi a disposizione sulla piattaforma dell'Università Uninettuno che coinvolgerà tutti i partner per poter diffondere i contenuti dei loro contributi scientifici. La disseminazione dei risultati avverrà peraltro anche tramite il coinvolgimento di industrie e parti civili e politiche.

Note

Bando di ricerca: Altri Progetti di ricerca nazionali con bando competitivo
Ultimo aggiornamento: 27/09/2022 13:02
Non cliccare qui!